Caduta della Chiesa e avvento dell’anticristo

 

Nella foto: Vittorio Emanuele II, Massone conclamato, autoproclamatosi primo Re d’Italia.

A seguire alcuni passi estratti dalle Sacre Scritture che descrivono praticamente quello che ha combinato Vittorio Emanuele II allo Stato Pontificio (o Stato Della Chiesa, o Stato Ecclesiastico), attraverso il proprio esercito (“Europa Rivoluzionaria”), guidato e condotto, animato dalla grande quantità di denaro immesso dalle massonerie europee (anticristo), di cui lui era il tramite finale, in quel lontano, ma che sembra attualissimo e vicinissimo, 1861/1870. E ancora ce lo spacciano quel periodo storico come processo di “unità di Italia” e “Risorgimento”.. È tutto perfettamente descritto, per chi sa ben osservare e leggere. La Chiesa quindi possiamo attestare che sia caduta ufficialmente nell’anno 1870, e adesso è da chiedersi cosa faccia e quale funzione assolva in realtà.
Aspettiamo quindi la venuta del Cristo redentore a salvarci, poiché non si intravede più altra tipologia di risoluzione (il più classico dei “deus ex machina”) dato il livello di indottrinamento, addormentamento delle coscienze raggiunto.

“egli mi parlò così: “Egli (l’anticristo) proferirà parole contro l’Altissimo, perseguiterà i santi dell’Altissimo con l’intento di sterminarli e penserà di mutare i tempi e la legge; i santi saranno dati nelle sue mani per un tempo, dei tempi e la metà di un tempo. Si terrà quindi il giudizio e gli sarà tolto il dominio, che verrà annientato e distrutto per sempre. Poi il regno, il dominio e la grandezza dei regni sotto tutti i cieli saranno dati al popolo dei santi dell’Altissimo; il suo regno è un regno eterno, e tutti i domini lo serviranno e gli ubbidiranno”. (Daniele 7:25-27)

“Nessuno v’inganni in alcuna maniera, perché quel giorno (il ritorno di Cristo) non verrà se prima non sia venuta l’apostasia e prima che sia manifestato l’uomo del peccato, il figlio della perdizione, l’avversario, colui che s’innalza sopra tutto ciò che è chiamato dio o oggetto di adorazione, tanto da porsi a sedere nel tempio di Dio come Dio, mettendo in mostra se stesso e proclamando di essere Dio … quell’empio che il Signore distruggerà col soffio della sua bocca e annienterà all’apparire della sua venuta.” (2 Tessalonicesi 2:3-4, 8)

“Poiché la creazione aspetta con impazienza la manifestazione dei figli di Dio; perché la creazione è stata sottoposta alla vanità, non di sua propria volontà, ma a motivo di colui che ve l’ha sottoposta, nella speranza che anche la creazione stessa sarà liberata dalla schiavitù della corruzione per entrare nella gloriosa libertà dei figli di Dio. Sappiamo infatti che fino a ora tutta la creazione geme ed è in travaglio; non solo essa, ma anche noi, che abbiamo le primizie dello Spirito, gemiamo dentro di noi, aspettando l’adozione, la redenzione del nostro corpo.” (Romani 8:19-23).

Alla risoluzione di tutto, ecco cosa potrebbe accadere, anche se sono evidenti le allegorie:

“Ora, fratelli, non vogliamo che siate nell’ignoranza riguardo a quelli che dormono, affinché non siate contristati come gli altri che non hanno speranza.  Infatti, se crediamo che Gesù è morto ed è risuscitato, crediamo pure che Dio condurrà con lui, per mezzo di Gesù, quelli che si sono addormentati. Ora vi diciamo questo per parola del Signore: noi viventi, che saremo rimasti fino alla venuta del Signore, non precederemo coloro che si sono addormentati perché il Signore stesso con un potente comando, con voce di arcangelo con la tromba di Dio discenderà dal cielo, e quelli che sono morti in Cristo risusciteranno per primi; poi noi viventi, che saremo rimasti saremo rapiti assieme a loro sulle nuvole, per incontrare il Signore nell’aria; così saremo sempre col Signore. Consolatevi dunque gli uni gli altri con queste parole”. (1Tessalonicesi 4:13-18)

“Poi vidi il cielo aperto, ed ecco un cavallo bianco, e colui che lo cavalcava si chiama il Fedele e il Verace; ed egli giudica e guerreggia con giustizia. I suoi occhi erano come fiamma di fuoco e sul suo capo vi erano molti diademi, e aveva un nome scritto che nessuno conosce se non lui; era vestito di una veste intrisa nel sangue, e il suo nome si chiama: “La Parola di Dio”. E gli eserciti che sono nel cielo lo seguivano su cavalli bianchi, vestiti di lino finissimo, bianco e puro. Dalla sua bocca usciva una spada acuta per colpire con essa le nazioni; egli governerà con uno scettro di ferro ed egli stesso pigerà il tino del vino della furente ira di Dio onnipotente. E sulla sua veste e sulla coscia portava scritto un nome: IL RE DEI RE e IL SIGNORE DEI SIGNORI.[…] E vidi la bestia (l’anticristo) e i re della terra coi loro eserciti radunati per far guerra contro colui che cavalcava il cavallo e contro il suo esercito. Ma la bestia fu presa e con lei il falso profeta che aveva fatto prodigi davanti ad essa, con i quali aveva sedotto quelli che avevano ricevuto il marchio della bestia e quelli che avevano adorato la sua immagine, questi due furono gettati vivi nello stagno di fuoco che arde con zolfo. E il resto fu ucciso con la spada che usciva dalla bocca di colui che cavalcava il cavallo, e tutti gli uccelli si saziarono delle loro carni.” (Apocalisse 19:11-16, 19-21)

Precedente Black Magic Rituals - Manipolazione della coscienza collettiva dell'umanità.The 40-Day Season of Sacrifice: March (19th or 22nd) to May 1st